I corsi di formazione per l’anno 2022/2023

E’ stato un periodo davvero difficile quello che, a causa della pandemia, ha visto bloccare ogni tipo di attività formativa in presenza e convertire  i corsi  secondo modalità virtuali, corsi erogati successivamente attraverso misure ibride. Ora siamo pronti per ripartire, finalmente in presenza - pur sempre nel rispetto delle normative vigenti – e a proporvi il nuovo catalogo dei corsi erogati dal Comune di Milano.

Sono oltre 500 i corsi proposti dai Centri di Formazione del Comune di Milano per l'anno 2022/2023 e spaziano dalla passione per la grafica all’amore per le piante e la progettazione del verde, passando per la ristorazione e la manualità creativa dei corsi di restauro, liuteria e sartoria sino allo studio delle lingue straniere utili per viaggiare e nel lavoro. 

Tra le novità, insieme al ritorno in presenza di gran parte delle lezioni, il corso di Manutenzione Polivalente del Centro di via Fleming che esplora diverse discipline dalla falegnameria all’idraulica, dall’elettricità al rinnovamento degli interni.

Percorsi capaci di coniugare l’utilità dell’apprendimento con l’efficacia e l’economicità dell’investimento formativo. Tutti i corsi, infatti, hanno come obiettivo l’inserimento professionale, facilitato dalle convenzioni con oltre 350 imprese che offrono opportunità di tirocini e stage ai nostri studenti. 

Sono inoltre presenti due spazi spin off per offrire agli studenti che escono dai nostri percorsi formativi, l’opportunità di avviare la propria attività imprenditoriale.

Il catalogo allegato rappresenta la proposta formativa pianificata per l’anno 2022/2023: per qualsiasi dettaglio ogni scuola, attraverso il proprio sito, manterrà costantemente aggiornate l’offerta con tutti i dettagli didattici.  Per maggiori informazioni è possibile consultare il portale FormaMi  del Comune di Milano dove sono presenti i link che indirizzano ai siti dei singoli centri.

Investire in formazione e promuovere percorsi educativi di qualità, significa costruire la città del futuro e per questo, mediante leve dirette e indirette, il Comune di Milano – attraverso il Patto per il Lavoro - si impegna a offrire, in particolare al target dei più giovani, driver di crescita economica, sociale e culturale del presente e del futuro della città di Milano, percorsi di orientamento e formazione continua orientati ai trend di sviluppo di un mercato del lavoro sempre più dinamico. 

Stimolare l’offerta di formazione di qualità in città, promuovendo percorsi di istruzione in linea con i trend contemporanei e le esigenze del mondo del lavoro di oggi, significa anche prevenire e superare fenomeni di disuguaglianze in ingresso o in uscita nel mercato del lavoro.

Ne sono testimonianza le nostre “scuole civiche” che offrono percorsi formativi, per gli adulti nell’ambito della formazione permanente e dell’Alta formazione e percorsi mirati di inserimento professionale per le persone più fragili o per i disoccupati. 
I diversi percorsi formativi proposti dal Comune possono rappresentare la giusta opportunità per trovare il proprio ruolo nel complesso mondo del lavoro. 

“La formazione è la grande chiave dell'occupazione, sia per rioccupare chi è ai margini del contesto professionale sia per chi deve ancora entrarci” – ha dichiarato l’assessora Alessia Cappello – “Dobbiamo essere molto più capillari per raggiungere tutti, giovani e non, raccontando quali sono le opportunità e le posizioni che il mondo del lavoro richiede e colmare il gap tra domanda e offerta di una occupazione”. 
 

Potrebbero interessarti anche

Il Patto per il Lavoro

Un'alleanza strategica per la città destinata alla realizzazione di azioni concrete che lascino una impronta sulla citt

La Scuola dei Quartieri 2022

Il 4° bando della Scuola dei Quartieri mette a disposizione € 450.000 per finanziare progetti da realizzare in uno o più quartieri

I corsi di formazione per l’anno 2021/22

Il Comune di Milano ha una tradizione unica tra i comuni italiani nell’ambito della formazione professionale e dell’educazione

PER-CORSI - Community digitali tra arte e cultura

Scopo dell’intervento è quello di fornire nuovi strumenti educativi ai giovani (16-35 anni)