Cento globi d’artista per un futuro sostenibile

Giovedì 17 Ottobre 2019

Tajani: “Un’installazione diffusa per sensibilizzare al contrasto ai cambiamenti climatici e alla lotta alle plastiche inquinanti”

Arte e innovazione si fondono in cento grandi globi d’artista sparsi in città per sensibilizzare i milanesi ai temi del cambiamento climatico e al contrasto delle plastiche inquinanti. Questo l’obiettivo del progetto WePlanet, realizzato dal Gruppo Mondadori e Mediamond con il Patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia. 
WePlanet è una grande mostra collettiva open air di 100 installazioni ecosostenibili che invaderà le strade di Milano dal 12 aprile al 21 giugno 2020. Ad illustrare, questa mattina, presso la Sala Conferenze di Palazzo Reale, i contenuti di WePlanet l’assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio del Comune di Milano Cristina Tajani con Carlo Mandelli Direttore Generale Periodici Italia Gruppo Mondadori e Davide Mondo, Amministratore Delegato di Mediamond.

“Grazie a questa installazione d’arte diffusa, ambiente e innovazione si fondono contribuendo ad ampliare le azioni del progetto ‘Milano Plastic Free’ avviato dall’Amministrazione nei mesi scorsi per sensibilizzare al rispetto del pianeta e fare della nostra città la prima realtà italiana a eliminare l’utilizzo delle plastiche monouso". Così l’assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio del Comune di Milano Cristina Tajani commenta l’iniziativa. “Come Amministrazione affianchiamo con piacere tutte le iniziative realizzate da operatori privati e pubblici, che possono contribuire a  quest’opera di educazione ambientale. È attraverso i piccoli gesti quotidiani che  si contrastano i grandi cambiamenti climatici, è proprio questo che i  tanti giovani della generazione Thumberg ci stanno chiedendo".

WePlanet, sfruttando la capacità dell’arte e della creatività di stimolare una coscienza critica nel cittadino, vuole contribuire a portare al centro del dibattito delle istituzioni, degli operatori e dei singoli cittadini l’urgenza di affrontare la transizione sostenibile oltre a ribadire quanto sia cruciale il ruolo individuale nel processo di guarigione del pianeta. In quest’ottica 100 globi realizzati e riprodotti con materiale riciclato di grandi dimensioni - un diametro di oltre 1,30 cm e un’altezza complessiva di 170 cm - diventeranno il supporto affidato a cento artisti, designer e creativi, per interpretare da un lato il tema dell’inquinamento e dei cambiamenti climatici oltre a informare il pubblico sul tema dell’innovazione sostenibile.

“Il Gruppo Mondadori ha intrapreso da circa dieci anni un percorso di responsabilità sociale d’impresa in cui si impegna a favorire ogni giorno la diffusione della cultura e delle idee al più ampio pubblico possibile”, ha dichiarato Carlo Mandelli, direttore generale Periodici Italia del Gruppo Mondadori. "Come primo editore italiano nei magazine e nel digitale, sappiamo di avere una grande responsabilità nei confronti dei 18 milioni di lettori e gli oltre 28 milioni di utenti con cui interagiamo ogni mese. Perseguiamo il nostro obiettivo garantendo loro un’offerta di intrattenimento e informazione di qualità e promuovendo su tutti i nostri canali contenuti che premiano la pluralità di pensiero, l'inclusione e la diversità di genere, con un approccio sempre volto all’innovazione”, ha concluso Mandelli.
“Siamo molto contenti di partecipare a un’iniziativa incentrata nel divulgare un messaggio così importante.” Dice Davide Mondo, Amministratore Delegato di Mediamond. “La nostra concessionaria, in sinergia con il più importante editore italiano, assicurerà all’iniziativa la copertura mediatica che merita. Raccontando al grande pubblico come già le aziende si stanno muovendo per un futuro più sostenibile”.

WePlanet è anche una mostra interattiva che, grazie all’impiego della realtà aumentata, permetterà al pubblico di scoprire la singola opera, l’artista che l’ha interpretata e il mecenate che l’ha adottata, accostandola alla sua personale visione di sostenibilità. Sarà possibile anche visualizzare la mappa completa dei globi esposti oltre a potersi interfacciare con i canali tematici dedicati del Comune di Milano.

L’esposizione di queste cento opere accompagnerà il ricco palinsesto di eventi che caratterizzano la primavera milanese da 12 aprile al 21 giugno: Milano Art Week, Milano Design Week, Milano Piano City, Milano Food City, Milano Arch Week, Milano Photo Week e Milano Fashion Week.
 

Notizie collegate

Tutto pronto per“Manifatture Aperte” 2019

Tutto pronto per“Manifatture Aperte” 2019

Oltre cento spazi tra atelier, laboratori, officine, botteghe, fabbriche, makerspace e scuole di formazione a Milano e non solo

14/11/2019

Premiate le 60 nuove botteghe storiche di Milano

Premiate le 60 nuove botteghe storiche di Milano

A conferire i 60 nuovi prestigiosi riconoscimenti il Sindaco Giuseppe Sala con l’assessora Cristina Tajani

11/11/2019