Quaderno Inail su salute e sicurezza nelle piscine

Venerdì 10 Giugno 2016

Gli infortuni che avvengono in luoghi considerati al contempo di lavoro e di vita rappresentano senza dubbio una tematica che merita una particolare attenzione da parte del Centro per la Cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita.

Gli impianti natatori ovvero le piscine rappresentato sicuramente uno di quegli ambienti di vita e di lavoro dove la salute e la sicurezza dei lavoratori e degli utenti si intrecciano nel contesto di attività ludiche, sportive e ricreative che richiedono particolare attenzione non solo per il benessere ma anche per la prevenzione dei rischi, al fine di garantire la sicurezza di tutti i frequentatori.

Ad affrontare questa tematica e a fornire utili informazioni è il Quaderno “Le piscine”, una nuova pubblicazione inserita nella collana “Quaderni per la Salute e la Sicurezza” del Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro ed ambientale dell’Inail, partner del Centro.

Il Quaderno specifica che gli utenti delle piscine si distinguono in frequentatori (utenti presenti all’interno dell’impianto) e bagnanti (utenti che si trovano all’interno della sezione vasche).

Il numero massimo di frequentatori ammissibili è determinato in relazione alle diverse categorie di piscine, secondo i parametri definiti dalle norme tecniche regionali con l’obiettivo che la fruizione delle vasche e di tutto l’impianto (spogliatoi, docce, servizi igienici, ecc.) possa essere regolare e agevole. Le piscine di proprietà pubblica o privata, destinate all’utenza pubblica, e quelle ad usi speciali collocate in strutture di cura, riabilitazione e termali, devono essere dotate di sistemi e procedure atte a rilevare in ogni momento il numero di frequentatori presenti.

Il numero massimo dei bagnanti è determinato in relazione ai diversi tipi di vasche per garantire che il carico inquinante dovuto alle attività in acqua si mantenga entro i limiti della potenzialità dell’impianto e che l’attività natatoria possa svolgersi nel rispetto delle esigenze di sicurezza e di sorveglianza degli utenti. L’affollamento dei bagnanti ha una forte valenza igienico-sanitaria e di sicurezza e l’Accordo sulla disciplina interregionale delle piscine, stipulato il 16 dicembre 2004, tra le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, ha indicato i valori massimi di affollamento in relazione alla superficie delle vasche e al tipo di attività che vi si svolgono:

  • attività di nuoto (un bagnante ogni 5 m2 di specchio d’acqua);
  • attività ludico ricreative (un bagnante ogni 3 m2 di specchio d’acqua).

Il Quaderno dell’Inail elenca anche le varie lesioni o fratture da infortuni dovuti a cadute o scivolamenti e riporta una tabella con i pericoli connessi all’uso delle piscine ed i relativi rischi per la salute e sicurezza:

  • fisici: annegamento, semi-annegamento, traumi dovuti ad infortuni da impatto:
  • associati a caldo, freddo e luce solare: danni causati da agenti fisici (es. esposizione acuta al calore del sole; esposizione al freddo nelle piscine da immersione);
  • associati alla qualità dell'acqua: ingestione, inalazione o contatto con patogeni, virus, funghi, protozoi e agenti chimici che possono essere presenti nell'acqua e a bordo vasca;
  • associati alla qualità dell'aria: inalazione di agenti chimici.
     

Progetti correlati

C.C.P.

Il Centro per la Cultura e la Prevenzione nei luoghi di vita e di lavoro del Comune di Milano

Notizie collegate

Milano Design Week 2022

Milano Design Week 2022

Oltre cento operatori per circa 800 eventi in chiave sostenibilità ed economia circolare Il programma sul sito di Yes Milano

05/06/2022

DropCity un distretto del design aperto alla città

DropCity un distretto del design aperto alla città

Magazzini Raccordati, presentato il progetto per ridare vita agli ex depositi ferroviari:

01/06/2022