MIRE Milano in rete dal welfare al tempo ritrovato

Il progetto “MIRE – Milano in rete – dal welfare al tempo ritrovato” nasce nell’ambito del Piano Territoriale di Conciliazione 2020-2022 di Regione Lombardia e si prefigge di consolidare e implementare le azioni avviate con il progetto “Smart Lab – Milano Concilia 4.0”, dando seguito al Piano precedente. È una iniziativa finanziata da Regione Lombardia a supporto degli interventi di conciliazione vita - lavoro”

mire - milano in rete

 

 

Avviato a giugno 2020, “MIRE” vede il Comune di Milano capofila di un’Alleanza locale che resterà sempre aperta, nel corso del triennio, a coloro che volessero sia avvantaggiarsi dei percorsi e delle attività promosse nel progetto sia apportare il proprio contributo e le proprie competenze per la riuscita delle attività.


Si tratta di un’Alleanza articolata, formata sia da singole realtà che da soggetti operanti in forma delegata, in rappresentanza di una compagine decisamente più numerosa, per rispondere alla complessità del territorio milanese - con le sue molteplici sfaccettature e diversità, contrassegnato da continui cambiamenti sociali ed economici.


Con la consapevolezza che la nostra città necessita di approcci innovativi per affrontare e risolvere le criticità che si presentano, la competenza e la ricchezza di esperienze di tutti i componenti del partenariato sono il valore più manifesto.

 

 

Tre linee di azione

  • Partendo dal successo della sperimentazione dello smart working attuata con la progettazione precedente, che ha portato numerosi partner ad essere pronti per affrontare, dal punto di vista organizzativo, l’emergenza sanitaria, proseguirà l’attività di introduzione ed adozione di modelli organizzativi flessibili centrati sul work-life balance, attraverso percorsi di sensibilizzazione, formazione e consulenza alle aziende, con una specifica attenzione alle MPMI. 
  • Si sosterrà la conoscenza, finalizzata all’utilizzo da parte degli smart workers, degli spazi di coworking, luoghi di lavoro alternativi all’ufficio ed all’abitazione, specialmente dopo l’esperienza obbligata di lavoro da casa, attraverso l’individuazione di forme di facilitazione all’accesso.
  • Si promuoverà la definizione di modelli di welfare territoriali in rete, costruiti con un percorso bottom up condiviso con tutti i soggetti pubblici e privati interessati, in una relazione sinergica con il Piano Territoriale dei Tempi e degli Orari, prevedendo una sperimentazione diretta su alcuni quartieri milanesi.

Obiettivi

  • Implementare il numero delle imprese coinvolte nell’adozione delle politiche di flessibilità e di apertura a nuovi modelli organizzativi; 
  • consolidare tali politiche nelle imprese che hanno già avviato simili percorsi;
  • realizzare un percorso facilitato di accesso ai coworking, presumibilmente una piattaforma digitale che regoli domanda e offerta;
  • promuovere una conoscenza diffusa della normativa inerente alle agevolazioni fiscali rivolta alle imprese che adottano piani di welfare, con particolare riferimento alle MPMI;
  • sperimentare in alcuni quartieri dei modelli di welfare territoriale in rete, da realizzare con una modalità bottom up in collaborazione con tutti gli stakeholder presenti;
  • individuare azioni sinergiche con il Piano degli Orari e dei Tempi.
     

Data inizio

Data fine

Potrebbero interessarti anche

I corsi di formazione per l’anno 2020/21

I corsi proposti dal Comune rappresentano la giusta opportunità per trovare il proprio ruolo nel complesso mondo del lavoro

Creativi e designer per ripensare gli spazi

Dal Comune un invito a presentare proposte per tornare a vivere la città con nuove regole di sicurezza

Dal Comune di Milano un fondo di mutuo soccorso

I versamenti sul conto di Intesa Sanpaolo con IBAN IT58G0306901783100000000551

SEE ME IN

Con "See Me In", finanziato dal programma comunitario Central Europe, l’imprenditoria degli immigrati diventa più competitiva