La strategia del Comune per il Lavoro Agile

Mercoledì 30 Ottobre 2019

Lavoro Agile e opportunità per le PMI. La posizione del Comune di Milano e delle OOSS

Il Comune di Milano, con il supporto delle OOSS CGIL CISL e UIL, è da anni impegnato nella promozione e la diffusione dello Smart Working, anche con l’organizzazione annuale delle settimane del lavoro agile.

L’Amministrazione comunale milanese ha da tempo sposato l’idea che il lavoro agile è un modello innovativo di organizzazione del lavoro per obiettivi che garantisce una maggiore efficienza della prestazione, valorizza la professionalità dei lavoratori, e rappresenta una risposta alle loro esigenze di flessibilità e di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro. 

Questo modo di agire del Comune di Milano, sperimentato sul campo attraverso l’esperienza delle Settimane del lavoro agile, fa da cornice e da presupposto a tutte le attività legate al Progetto Smart Lab – Concilia 4.0. 
Si tratta di un modello partecipato ed inclusivo di crescita economica, sociale e di sviluppo del territorio, all’interno del quale le relazioni con le parti sociali costituiscono premessa fondamentale e la contrattazione collettiva ne è elemento qualificante. Il progetto, organizzato in fasi, ha lo scopo, tra gli altri, di sensibilizzare e favorire l’avvio di policy di Smart Working presso le organizzazioni facenti parte dell’Alleanza, per le quali è stato sviluppato un percorso di accompagnamento attraverso incontri e tavoli di lavoro.

Ad oggi, sono 13 le organizzazioni coinvolte, insieme alle quali sono stati progettati workshop dedicati (1 per ciascuna organizzazione) con lo scopo di preparare al meglio i team scelti da ciascuna organizzazione per massimizzare l’efficacia della sperimentazione. A ulteriore valorizzazione di queste attività, è stato quindi predisposto un modello di accordo sindacale che favorisse quanto più possibile il confronto tra le parti e la contrattazione collettiva (aziendale e territoriale) per la definizione congiunta degli orientamenti, regole e criteri per l’introduzione dello smart working. 

Parola chiave: sperimentazione. Lo smart working è un processo, non è un obbligo né un traguardo. È un modo di lavorare vincente solo se calato nella realtà organizzativa che lo adotta. Di questo è ben consapevole il Comune di Milano, che sperimenta la sua versione di piattaforma abilitante per la costituzione di vere alleanze di welfare. 
 

Progetti correlati

Smart Lab - Milano Concilia 4.0

Costruire una fondamentale collaborazione tra pubblico e privato per sperimentare nuove forme di bilanciamento vita-lavoro

Notizie collegate

Tutto pronto per“Manifatture Aperte” 2019

Tutto pronto per“Manifatture Aperte” 2019

Oltre cento spazi tra atelier, laboratori, officine, botteghe, fabbriche, makerspace e scuole di formazione a Milano e non solo

14/11/2019

Premiate le 60 nuove botteghe storiche di Milano

Premiate le 60 nuove botteghe storiche di Milano

A conferire i 60 nuovi prestigiosi riconoscimenti il Sindaco Giuseppe Sala con l’assessora Cristina Tajani

11/11/2019