Linee guida Milano Smart City

Approvato nel 2014, in preparazione dell’Expo, il documento definisce gli indirizzi per rendere Milano una città intelligente. 

Nella primavera del 2013, il Comune di Milano ha avviato un percorso di studio e riflessione partecipata per definire delle linee guida dell’Amministrazione in materia di Smart City.

Il risultato è il documento “Milano Smart City”, approvato dalla Giunta Comunale nel 2014. 

“La città smart, si dice nel documento, non coltiva solo la sua competenza tecnologica ma deve coniugare sviluppo economico e inclusione sociale, innovazione, formazione, ricerca e partecipazione.”

Il documento è organizzato in 7 punti:
1.    citta globale, laboratorio nazionale ed europeo
2.    laboratorio della mobilita urbana sostenibile
3.    laboratorio delle politiche ambientali ed energetiche
4.    laboratorio di inclusione sociale e diversity
5.    laboratorio del benessere in citta
6.    laboratorio di semplificazione per la PA
7.    laboratorio della generazione d’impresa

Il documento è scaricabile cliccando sul link in fondo alla pagina. 

Per dare attuazione alle linee guida, il Comune e la Camera di Commercio hanno stipulato un protocollo e poi hanno dato vita all’associazione Milano Smart City. 

Dal 2015 al 2020, il Comune di Milano è risultato primo nella classifica delle città smart italiane ICity Rate realizzata da Forum PA.

Potrebbero interessarti anche

Coworking a Milano

Dalla pandemia alla città a 15 minuti: una ricerca sull'evoluzione degli spazi di lavoro condiviso durante la crisi Covid 19
Il Capitale Urbano 2021: report di fine mandato

Il Capitale Urbano 2021: report di fine mandato

Progetti e iniziative dell'Assessorato al Lavoro, Attività Produttive, Commercio e Risorse Umane del Comune di Milano 2016 2021

Smart City Lab: avviso per la gestione

Nel 2022, nascerà a Milano il primo incubatore dedicato alla Smart City. Pubblicato l'avviso di manifestazione di interesse.

Polihub

L’incubatore del Politecnico di Milano gestito dalla Fondazione Politecnico di Milano, con il contributo del Comune